Alla scoperta del grande tesoro verde del quartiere.

Non è stata una semplice uscita didattica con i compagni di classe, riuniti
ordinatamente dietro le maestre. Quella di giovedì 13 maggio è stata l’occasione per avventurarsi nel cuore verde del quartiere Laurentino, territorio situato in prossimità
dell’EUR, a ridosso del Grande Raccordo Anulare, precisamente nel quadrante sud-
ovest della Capitale.

Nelle immediate vicinanze della nostra scuola, regna sovrana la natura. Eccetto che
sul confine segnato dalla cittadella militare della Cecchignola o da strade a
scorrimento veloce, la periferia in cui è collocato il plesso “Ada Tagliacozzo” è
circondata dalla campagna.

Gli alunni delle classi seconde B e C hanno percorso, insieme alle insegnanti, i sentieri
che si snodano tra gli eucalipti e le querce, fino ad arrivare nell’area fitta di
vegetazione in cui flora e fauna mantengono intatta la loro bellezza.
Stiamo parlando della Riserva naturale che si estende tra la via Pontina e il fosso dell’ Acqua Acetosa, in cui crescono tanti tipi di piante tra cui spiccano la veronica acquatica, il crescione e le orchidee.

I bambini hanno risposto con entusiasmo alla proposta di percorrere i primi passi
dell’itinerario oltre la rete di recinzione del giardino, che racchiude il mondo noto dei
loro giochi all’aperto durante la ricreazione.
 Al di là del perimetro costituito dalla ringhiera, festanti, guidati eppure liberi di muoversi nello spazio circostante, hanno potuto perlustrare la valle solcata da un piccolo corso d’acqua. Gioiosi, hanno percorso i viali circondati dai filari di alberi studiati in classe.
La passeggiata è stata fonte di autentica meraviglia.

Nel rispetto dell’unità integrale di mente e corpo, l’immaginazione degli scolari è stata colpita dalla varietà delle informazioni sensoriali e motorie. Ricchi di un patrimonio paesaggistico a loro disposizione nelle immediate vicinanze di casa, intonando canzoncine, con occhi pieni di stupore hanno ammirato le folte chiome del tiglio, dei cui fiorellini hanno riempito vasetti, e le foglie dell’enorme pianta di banane, priva però dei suoi frutti.

Tra lecci, salici e pioppi, hanno potuto vedere da vicino gamberi, pesci e anfibi;
i girini, dopo essere stati raccolti in un barattolo per l’osservazione, sono stati reimmessi nel loro elemento, salutati da un applauso!

 

I piccoli esploratori hanno apprezzato: il trekking, la merenda, i suoni della natura, i sugheri, i ponticelli, gli stagni, insomma tutto!

Questa potrebbe essere considerata un’ulteriore tappa del programma di educazione ambientale già da tempo iniziato, nella speranza che ecologia, fonti di energia rinnovabili, riciclo, sostenibilità non siano concetti astratti, ma parole cui corrispondano condotte responsabili anche tra i giovanissimi.

 

Le insegnanti  2B e 2CAda Tagliacozzo

A completare la bellissima gita didattica, le schede operative di osservazione compilate dagli alunni.
E una buona tisana di tiglio da degustare e portare a casa.

One thought on “Tutti in fila!

  1. Celestina corbo ha detto:

    Bellissimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *